''Preparate la via'' di Rosy Romeo

Pubblicato il da Rosy e Salvo

Preparate la via

Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetràrca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetràrca dell’Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetràrca dell’Abilène, sotto i sommi sacerdoti Anna e Càifa , la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaia:

“Voce di uno che grida nel deserto:

Preparate la via del Signore,

raddrizzate i suoi sentieri!

Ogni burrone sarà riempito,

ogni monte e ogni colle sarà abbassato;

le vie tortuose diverranno diritte

e quelle impervie, spianate.

Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!” (Lc 3, 1-6).

°°°°°°°

Che strano quest’elenco di pezzi da novanta che vanno dall’imperatore romano, ben lontano dalla Palestina, ai sommi sacerdoti, dai quali dipendeva la vita spirituale, e non solo, dei Giudei.

Sembrerebbe fuori luogo, ma forse Luca, nominando personaggi storici, vuole sottolineare la veridicità degli avvenimenti. Fra questi avvenimenti ci sono le urla di una figura alquanto bizzarra, Giovanni, l’ultimo profeta che sta a cavallo fra il vecchio e il nuovo: come gli antichi profeti, richiama il popolo al pentimento e alla conversione, ma è anche il precursore, colui che annunzia la venuta imminente del Salvatore. Lo fa nel deserto, luogo in cui Dio aveva portato i suoi figli per fortificarli e purificarli prima di farli entrare nella terra promessa, luogo in cui Gesù stesso si ritirerà per sperimentare la tentazione e vincerla, prima di iniziare la sua missione.

Questo ci fa capire che non può essere una condizione di agiatezza e rilassamento a favorire il cammino cristiano, ma sono le difficoltà e la privazione a far crescere un’anima che aspira a conoscere il proprio Dio e forgiarla per compiere la Sua volontà, esclusivamente per la Sua gloria, mai per soddisfare voglie di vanità. Non è per niente facile questa impresa, per quanto possa esserne forte il desiderio, perché i drappi colorati e olezzanti che Satana ci sventola sotto il naso, anzi dinanzi agli occhi spirituali, confondono e nascondono l’amore del Padre e hanno anche il potere di camuffare il male col bene, cosicché il cristiano sprovveduto non comprende più niente. In tale miserevole condizione, il poveraccio, essendo il male offerto su un piatto d’argento, bene edulcorato e mascherato, cade facilmente nella trappola e, ciò che è peggio, non ne è consapevole.

Bisogna faticare non poco per essere in grado di smascherare il nemico e allenarsi senza sosta per raggiungere il traguardo della santità. L’anima si trova costantemente in un terreno scosceso, pieno di alture difficili da scalare e burroni in cui rischia di precipitare.

Il deserto sembra essere il luogo ideale per imparare a riconoscere tutti i pericoli e superarli. Non ci sono distrazioni, solo il silenzio che però non spinge il nemico a tacere. Tutt’altro! Egli, schiumante di rabbia, si scatena con più furore, perché non può servirsi dei piaceri del mondo come azioni di disturbo, ma deve sforzarsi a più non posso per rendere più appetibili i ricordi delle spensieratezze vissute e più esasperanti le contrarietà sopportate nelle tempeste dell’esistenza. Non si possono, tuttavia, vincere le battaglie contro le voglie del proprio intimo e le seduzioni provenienti dall’esterno, se prima non ci si prepara a discernere la volontà del Padre dalla nostra e persino da quella del malvagio. Questo si può realizzare solo nella quiete del distacco da tutto, mettendo a tacere le voci esterne e interne a noi. E’ veramente necessario il silenzio, perché questo è lo stato in cui Dio parla al cuore. Dove c’è frastuono, non si può udire la musica della Parola; dove mille immagini passano dinanzi agli occhi, non si può contemplare la Croce; dove c’è il divertimento futile, si dilapida la gioia profonda e perenne, anche se non visibile; se si ama il tempo, non si percepisce l’eternità; se si è gelosi del proprio spazio, non si può spaziare nell’infinito.

C’è un gran lavoro da fare nella nostra anima, c’è da spianare un terreno aspro, fatto di odio e voglia di vendetta, e brullo, perché non irrigato dalle lacrime del pentimento; c’è da colmare fossati enormi con opere di solidarietà materiale e spirituale che spesso trascuriamo; c’è da dissodare zolle dure quanto tutta la nostra vita per coltivare il giardino interiore ricevuto dal Creatore. Se imitiamo Giovanni che continua a sgolarsi nei secoli per ammorbidirci il cuore e forse non è ancora riuscito a farsi sentire, se prepariamo la via per percorrere la verità che ci porta alla vita, se accogliamo quel Bambino speciale che si prenderà cura di noi, nutrendoci con la Sua parola fino a farci apprezzare persino la Sua stessa croce, non c’è da dubitare che diventeremo missionari di un deserto destinato a fiorire.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post